Che cos’è un’afta alla bocca

e quanto dura

Molti avranno sperimentato quella sensazione di fastidio e bruciore dovuta a un’afta alla bocca che si intensifica ogni volta che ci si passa sopra la lingua o che si mangia qualcosa.

L’afta alla bocca è infatti una delle più comuni affezioni della mucosa orale che colpisce l’essere umano.

Diffusione e cause

Le statistiche indicano che il 30-40% della popolazione manifesta questo disturbo nel corso della vita. Le afte alla bocca possono colpire persone di tutte le età e non sono limitate esclusivamente a una fascia specifica, ma alcune indagini suggeriscono che ci sia una maggiore incidenza tra i giovani adulti, entro i 29 anni di età. (Per approfondire leggi l’articolo Afte nei bambini: cause, sintomi e cura)

Nonostante la loro diffusione, la causa esatta delle afte orali rimane sconosciuta. Gli esperti ipotizzano che vari fattori, per esempio un trauma locale o uno stato di infiammazione, siano associati alla comparsa di afte alla bocca. (Per approfondire leggi l’articolo Quali sono le cause delle afte?)

Cosa sono esattamente le afte alla bocca?

L’afta alla bocca, chiamata anche stomatite aftosa (la parola “stomatite” indica una qualsiasi infiammazione della cavità orale) è un’ulcerazione dolorosa della mucosa orale, che si manifesta all’interno della bocca sui tessuti molli.

Dove si sviluppano?

In particolare le afte possono comparire sulla lingua, all’interno delle guance, sul palato molle, alla base delle gengive o sulla faringe.

La stomatite aftosa non va confusa con l’herpes labialis che insorge sulla parte esterna delle labbra, sul mento e sulle narici: la stomatite si presenta solo sulle mucose interne della cavità orale. Inoltre, a differenza dell’herpes, l’afta è un’affezione innocua e non contagiosa, ma può comunque essere molto fastidiosa e dolorosa. (Per approfondire leggi l’articolo Che differenza c’è tra afte e herpes?)

Che aspetto hanno?

L’afta si manifesta come una piccola ulcera rotonda o ovoidale poco profonda, di colore biancastro o giallognolo, con contorni netti circondati da un alone rosso. Compare dopo una prima sensazione di formicolio e fastidio, può causare alitosi e un aumento della secrezione salivare. (Per approfondire leggi l’articolo Quali sono i sintomi delle afte?)

Le tre principali tipologie

In base all’aspetto e alla localizzazione, si possono distinguere tre tipologie di afte alla bocca:

Le afte minori

Sono le più diffuse, sono generalmente poco profonde, hanno un diametro tra 2 e 4 millimetri e si possono presentare singole o multiple; compaiono più frequentemente nella zona interna delle labbra o ai lati della lingua.

Le afte maggiori

Sono meno diffuse rispetto alle afte minori e sono caratterizzate da lesioni più ampie, più profonde e più dolorose. Hanno generalmente un diametro superiore a un centimetro e si presentano singole o duplici, compaiono anche sulla mucosa del palato e sulla faringe.

Le afte erpetiformi

Rappresentano la varietà meno comune, sono caratterizzate da gruppi di piccole ulcerazioni puntiformi, di dimensioni inferiori a 1-2 millimetri, che durante l’evoluzione possono fondersi fra loro. Questa varietà di afta è facilmente confondibile con l’herpes labialis.

Quanto dura un’afta alla bocca?

La durata effettiva delle afte orali può variare da persona a persona e a seconda del tipo di afte.

  • Le afte minori tendono a guarire nel giro di una o due settimane, senza lasciare cicatrici;
  • le afte maggiori sono più dolorose e persistenti rispetto a quelle minori, guariscono in più tempo e possono durare fino a sei settimane. La durata media è di circa venti/trenta giorni, ma dipende dalla gravità e dalla profondità della lesione. Spesso rischiano di lasciare cicatrici.
  • Le afte erpetiformi possono essere particolarmente fastidiose e hanno una durata media fra i sette e i quaranta giorni, anche se possono persistere per mesi.

Le afte alla bocca sono frequenti?

In alcune persone le afte alla bocca si presentano come un caso isolato, mentre in altre tendono a recidivare, per questo si parla di “stomatite aftosa ricorrente” (SAR). Le afte più comunemente associate alla stomatite aftosa ricorrente sono quelle minori.

Insomma, pur trattandosi generalmente di un’affezione molto comune e non grave, l’afta alla bocca può essere comunque molto fastidiosa, rendendo difficoltose e dolorose attività quotidiane come mangiare, bere e parlare.

Aftamed, grazie alla sua formulazione brevettata a base di acido ialuronico ad alto peso molecolare, può essere un rimedio utile per trattare le afte. Aftamed crea un film protettivo, riduce immediatamente il dolore e promuove la guarigione delle afte riducendone la durata. Aftamed è la gamma completa di prodotti per tutte le esigenze di trattamento.

Scopri i prodotti

Aftamed Spray

Indicato per afte in

zone difficilmente raggiungibili

Aftamed spray orale in primo piano, in secondo piano bocca con afte

Aftamed Gel

Indicato per afte in

zone ben visibili

Aftamed Collutorio

Indicato per

afte diffuse

Tutti gli articoli

Scopri tutti gli articoli e i nostri suggerimenti dedicati alla salute della bocca.

Hai bisogno di maggiori
informazioni sui nostri prodotti?